Vivo un equilibrio instabile...

lunedì 17 luglio 2006

Sulla strada,
l'aria entra ed esce dalla mia macchina e mi porta il saluto degli alberi che smaniano al mio passaggio. Una chitarra suona una vecchia canzone e il suo autore ne tratteggia le parole. E come lui non conosco paura, rido e salto sopra i pezzi di vetro, spezzo bottiglie e sorrido perchè ferirsi non è possibile, morire meno che mai e poi mai. Ecco il segreto della musica. Si svela in silenzio tra il verde delle foglie al vento e il caldo dell'asfalto assolato. Avrei proprio voglia di inventare qualcosa, di soffiare sulla mia creatività e sentirmi speciale. Istinto ammaestrato, solitario e visoniario.

5 Commenti: