Ragno

sabato 21 agosto 2010


Ragno
se con l'arte nun ce magno
dimmi tu che cosa fare
tu che sei così esemplare
nel tuo nobile filare
in quell'angolo di stanza
sei un esempio di costanza
dammene un pochetto pure a me

Ragno
dimmi chi te lo fà fare
con quell'arte sopraffina
chiuso dentro a una cantina
e nessuno ad ammirare
sei l'artefice incompreso
di un lavoro senza peso

dammi retta
lascia stare


Io che mò so ragno de cantina
posso ditte che nun c'è stà meglio cosa
che svegliasse la mattina
co la convinzione d'avè fatto un lavorone
pure se nun chiappo mai manco un moscone!

Ragno
ti credevo opportunista
ed invece sei soltanto un'inutile idealista

pertanto
ti nascondi dietro al tuo strafare
tu non vuoi considerare
che sei solo nullità

Ragno
basterà uno scopettone
senza troppa precisione
per distruggerti la tela
e sloggiarti dal cantone
in quell'angolo di stanza
sei un esempio di eleganza
ma che cè farai povero te

Ragno
non ti scoccia star lì appeso
rincorrendo l'utopia
di una tela che ti ha reso
servo della geometria
dentro quella cella scura
tutta la tua tessitura
non fà più neanche paura

Io che mò so ragno de cantone
posso ditte che nun c'è stà meglio cosa
che aver scelto stà missione
quella d'esser ragno senza avecce mai un compagno
chi m'acciacca, chi me se scarica ner bagno!

Ragno
se con l'arte nun cè magno
dimmi tu che cosa fare
tu che sembri un luminare
mi pare

resta solo il dubbio se impiegassi
all'ufficio delle tasse
pe trovà una dignità tua
non contando che pure a volello
è difficile anche quello
con la crisi che cè stà
Ragno!

1 Commenti: