Il segno della croce e poi lo metti via...

mercoledì 1 febbraio 2006


Ho fatto un altro sogno in questi giorni, prima di quello che ho raccontato ieri. In pratica mi sto recando a casa di un amico e noto come prima cosa che la casa non è stata ancora restaurata esternamente come lo è oggi. E' sempre la stessa casa da moltissimi anni. Entro perchè credo di avere un problema con gli occhiali da sole, come se dentro ci fosse un ottico o qualcosa del genere. In una delle stanze incontro una donna, con una gonna a pois, capelli ricci, frontino in testa. Abbastanza cicciona, ma no troppo. E' lei che si occupa degli occhiali e mi fa notare che i miei non vanno bene e che devo rifare le lenti. Ritorna dopo pochissimo e mi riporta la stessa montatura ma con delle lenti differenti sia come colore che come forma. Mi accorgo che le lenti non sono altro che quelle giuste solo che no sono state sagomate per farle diventare come quelle che avevo prima, mentre per il colore non so che dire. Prima erano verdone sfumato e adesso sono grigie. Non so perchè ma sta donna mi attizza prorpio, tant'è che questa mi fa qualche piccolo gesto che mi fa capire che gli piaccio. Mi faccio avanti "Perchè l'attore è bello e audace" e ci prendo un due di picche micidiale. Avevo frainteso tutto e quindi me ne torno, come diceva Totò, tomo tomo cacchio cacchio, a casa. Uscendo però faccio un rapido giro della casa, sempre abbastanza buia, ma col la luce del pomeriggio che entra da alcune finestre aperte. Esco fuori ripensando all'accaduto e sulle scale di casa trovo per terra un libro che nella realtà posseggo. Un libro fotografico su Claudio Baglioni (sempre lui!) dal titolo C'era un cavaliere bianco e nero. Un libro che racconta tutta la sua avventura di cantante dall'uscita dell'album Io sono qui fino all'esperienza televisiva di Anima Mia, attraverso le foto ufficiali di concerti, serate varie, vita privata ecc, e alcune pagine scritte di suo pugno. Solo che quello che trovo per terra è molto più grande e spesso. Mi guardo circospetto e poi decido di prenderlo e andare via.
Il sogno finisce qua.

8 Commenti: