Ooh, cosa sarà, che ti fa uscire di tasca dei "No, non ci sto..."

sabato 4 novembre 2006

Ma come devo fare!? L'ultimo periodo non è certo tra i migliori della mia vita, nonostante alcuni importanti cambiamenti sono in vista. Macchina, casa... famiglia! :-( Ultimamente mi sembro un vecchio che si lamenta per tutto e per tutti. Che vede il mondo sottosopra, senza più educazione, rispetto, cuore e cervello. Io che ero e sono il più cazzone tra i cazzoni!!!! Deluso da un amicizia e deluso dalle altrettante presunte tali, che ormai nemmeno due parole di circostanza riescono a scambiare. Sono deluso appunto da chi credevo un amico e mi ha tradito. Non tanto perchè non è stato capace di dirmi una semplice cosa. Come ad esempio Scusa. Ma per l'indifferenza alla quale mi ha condannato. Volutamente o no. Il tutto forse è partito perchè mi sono permesso di criticare il cflm, che ormai non organizza, ma agonizza! Niente più rime lo giuro! Questo non mi ha permesso di essere il benvenuto alla vancaza salentina dai capetti senza capelli che si sono sentiti toccati nel profondo dalle mie dichiarazioni. Quei capetti senza capelli che ormai assomigliano più a una bottiglia di Pampero Poco Especial e sempre meno a un amico che conosco da circa vent'anni. Ripeto, vent'anni!! Che dall'alto del loro amatissimo bancone non salutano più e che in qualche modo hanno fatto in modo da escludermi da un'intera estate. Inducendo l'amico traditore appunto a non dirmi nulla della suddetta vacanza. Vacanza alla quale probabilmente non avrei partecipato comunque, visto che non trovo molto interessante passare il mio tempo con delle bottiglie vuote con le gambe e tanta aria per la bocca. Vista anche la possibilità poi comuque non colta, di andare sempre nel salento con chi ritengo meritevole di tutto me stesso. Io credo e spero ancora e comunque nell'amicizia, lo ritengo un valore universale e non un mezzo per non sentirsi soli e passare una serata o un inverno intero perchè non si sa che cazzo fare!!! Credo nel rispetto delle opinioni, nel diritto ad esprimerle e a non sentirsi un alieno una volta espresse.

Ma la cosa più importante a cui credo è il perdono. Un valore tipicamente cristiano, che io sposo totalmente. Sia nel darlo, che nel riceverlo.

La cosa assurda poi è il fatto che anche tra di loro si comportano così! Proprio in occasione della partenza, ad esempio, appena l'amico traditore ha comunicato l'impossibilità a partire per motivi di salute, il capetto senza capelli non gli ha nemmeno chiesto cos'aveva, tanto era preoccupato a trovare un sostituto perchè in caso contrario avrebbero dovuto rimetere qualche euro in più tutti quanti. E lo dico con certezza visto che ero presente a questa discussione sotto la vostra palma. Palma che avrei potuto non prendere se avessi saputo che agosoto l'avrei passato comuque da solo. Troppi soldi se poi consideriamo il fatto che probabilmente il fondo cassa di questo benedetto cflm, è stato ripartito tra i vari capetti, con più o meno capelli, per poter meglio affrontare questa vacanza. Insomma non solo non mi hanno voluto, ma gli ho forse pure pagato la vacanza! Il tutto mentre altri amici di serie B, sono dovuti ripiegare in bread & breakfast nelle immediate vicinanze perchè ormai era scattata la gara al non rimanere inculati a ferragosto. Come in un vero e proprio mercato, si sentivano di partenze in un primo e secondo scaglione, riserve, ripescaggi e chi più ne ha più ne metta. Niente amicizia, in tutto questo. Nessun accenno a un sentimento di condivisione per una vancanza che è appunto l'essenza della condivisione.
Io sono rimasto fuori da tutto questo. E meno male aggiungo, col senno di poi. Anche se adesso ne vivo le conseguenze. Ma non spreco più il mio tempo.
Quando tutti sono tornati, tutto cambia. Non c'è più un gruppo di amici e tutto e tutti sono alla deriva. Gente che ha da condividere anni di esperienze insieme, non si vede più. Però se magari al cflm, col vento a favore gli si alza il pisello e organizza una festicciola... Ahh beh, allora tutti insieme allegramente come se niente fosse. Falsi! Ipocriti! Voi abili a tenere un piede qua e uno la... tanto per citare un verso molto ispirato di Vasco. Vi calza a pennello!

Da molto mi tenevo dentro tutto questo. Così come altre cose, ma adesso ho veramente sbottato, non me ne frega un cazzo di quello che potete pensare, se vi siete offesi, se siete daccordo o meno. Ho sbagliato? Sicuramente, non lo metto in dubbio. Dovrò chiedere scusa a qualcuno? Può darsi. Probabilmente domani mi pentirò anche di aver scritto tutto questo, ma di sicuro stasera potrò dormire un tantinello più tranquillo.

3 Commenti: