Sabato pian piano se ne va...

lunedì 6 marzo 2006

E pure la domenica e finalmente, si FINALMENTE è lunedi!!! Non so per quale assurdo motivo ma io non vedo l'ora che arrivi il lunedì. Nel fine settimana mi stresso molto più che durante la settimana. Forse perchè il fine settimana è sempre pieno di aspettative, di propositi, di cose da fare che poi diventa un contiunuo sbattimento. Comunque anche questo festival è passato e meno male aggiungerei. Nonostante la mia passione per questa tradizione tutta italiana, questo festival non mi è piaciuto per niente. Non voglio fare sempre la parte del brontolone criticatutto, però sto festival mi è parso prorpio brutto. Ma bruttobruttobrutto.
La conduzione? Peccato per Panariello ma lui non è affatto un presentatore. Iniziava a fare commenti astrusi su artisti e canzoni e poi puntualmente si perdeva e non finiva le frasi perchè accortosi della grande cazzata che stava dicendo. La Blasy? Bravina, tutto qua. E' passata un po sott'occhio. Insipida insomma. Victoria Cabello? Donna per cui nutro una sana attrazzione (con due TI e due ZI) fisica? Massacrata dagli autori che non hanno saputo scrivere una battuta decente Ne per lei ne per Panariello! Assurdo. Panariello che non riesce a fare una battuta che strappa uno straccio di applauso è terrificante. A volte ero imbarazzato per loro tre che stavano sul palco e che si facevano scorrere il tempo come a dire "Dai che tra un paio di giorni finisce, dai dai!" Le canzoni? Una di quelle che ritenevo tra le più interessanti è stata subito eliminata e sto parlando di Mario Venuti, che non è nemmeno un artista che seguo. La Oxa vabbè, è un discorso a parte. Un discorso sicuramente molto mediatico e d'immagine. Con un pezzo evocativo, teatrale, volutamente diverso dagli altri. Diverso dai "Tiamotantomanonpossoamartimacisaràaqualcunochetiameràmanoncomehofattoio
quantoseibellefaipauramadiasposiamociscopiamotrombiamochelloechebellalavita!"

che hanno proprio rotto! Come al solito molti dei giovani erano molto più vecchi dei vecchi. Canzonette pop insipide. I cloni di Vasco, Elisa e Pausini si sprecano ad ogni edizione. Ma vogliamo parlare della regia di Beldì? L'audio era un casino. Si passava dalle voci dei presentatori e il loro relativo volume, alle clip video a tutto volume che entravano puntualmente sulla voce di Panariello spezzando quello straccio di presentazione che stava facendo. Tempi quindi calcolati alla cazzo devo dire...

Quando si decideranno a dare il festival per un cinque anni di seguito in mano a Fiorello? L'unico secondo me in grado di presentarlo alla grande. Quando si decideranno a fare un festival senza eliminazioni che sono veramente inutili e obsolete e non fanno nessuna audience? Tutti in gara fino alla fine, e poi si sceglie la più bella. Come agli Oscar. Senza dargli nemmeno tanta importanza, tutti devono divertirsi e divertire chi sta a casa. Oppure perchè non fare come fece il grandissimo Aragozzini? Cioè utilizzare gli ospiti internazionale per regalarci collaborazioni e duetti con i cantanti in gara come vere e proprie perle di musica? Fate un salto qua e qua per vedere cosa si fece all'epoca. Dai Ray Charles che duetta con Toto Cutugno è il massimo!!!

3 Commenti: