Sono io...

giovedì 25 agosto 2005

Con questa faccia che sta sempre la, da parte e con queste braccia che son qua per te aperte. Chiedo perdono se non so chi sono io ma è gia da tanto che suono, l'uomo della storia accanto sono io. Ripensando a queste parole mi chiedevo che immagine di me viene fuori leggendo questo blog. E' un dilemma che mi pongo spesso ultimamente e che spesso estendo al mio rapporto con gli altri. Cosa trasmetto alle persone? La mia immagine esteriore rispecchia quello che sono dentro? Non so che rispondere, probabilmente chi mi conosce meglio potrebbe dare una risposta, ma quanti mi conoscono a tal punto da poterlo fare? Mi viene in mente solo una persona.
Credo che cercherò di modificare la mia immagine fino a farla assomigliare a quella che penso possa essere la più vicina alla mia anima. E credo anche che la circonderò del clima giusto per poter crescere rigogliosa e forte. Adesso che mi sento un leone ho una forte voglia di rinnovamento, di sperimentarmi più di quanto non abbia fatto finora.

Che botta ragazzi,
  • tre Rhum e pera
  • un Negroni
  • e un Cuba Libre
  • ... non sono certo poco per uno come me. Abituato a bere poco, anzi pochissimo. Ma stasera c'era la giusta occasione per farlo. Il trio dei compari si è ritrovato per una serata al Lido Bianco e, sorpresa delle sorprese, becco il Noce!!!!
    Il mitico Eros Nocella, mio compagno di stanza in Croazia e amico sincero con il quale ho condiviso gioie e dolori di quella indimenticabile esperienza. Mi ha detto che era veramente contento di vedermi, me lo avrà ripetuto almeno dieci volte. E che gli sono mancato in tutti questi mesi che lui è stato fuori. Per la cronaca sta trombando mezza Spagna con la scusa dell' Erasmus e mi ha detto che si sta facendo le storie con una tipa che si è appena sposata in comune e dovrebbe, ripeto dovrebbe sposarsi in chiesa tra pochi giorni, ma che no sa che fare visto che si è perdutamente innamorata di lui! Mitico Noce. Io sono stato iper contento di essermi finalmente mostrato al mio meglio, finalmente uscito dalla girandola senza fine che a volte è il mio carattere, visto le che le ultime volte non sono stato disponibilissimo, e lui lo ha notato. Mi ha chiesto di quel vecchio amore che mi tormentava l'anima, e mi ha visto visibilmente sereno. Qui ci vedo proprio la mano del Signore, ma questa è un altra storia...


    La mia dolce Elisa mi sta cantando Rock your soul (Lotus version) in cuffia e con la testa che mi gira per gli effetti visivi di iTunes e la sopra citata Alcool Death List, sto proprio Wow!! Mi sono innamorato stasera di una tipa che ho visto seduta insieme alle amiche (due) al Lido bianco. Questo è un fatto positivo e sapete perchè? Vi spiego il mio perchè. Quando comprai la mia prima macchina, la mai troppo rimpianta Classe A 140 Mercedes, vedevo da tutte le parti Classe A. Prima invece sembrava che non esistesse nemmeno. Oppure quando compri un paio di pantaloni, poi li vedi addosso a tutti, e magari prima non ci avevi fatto nemmeno caso.
    Beh, stasera ho notato questa ragazza, è ho sentito che mi sarebbe piaciuta. Peccato non averci scambiato nemmeno una parola. Della serie Dammi cinque minuti e chissà, chissà se ti piacerò. Dammi cinque minuti e nel tuo cuore non credo che entrerò Se non avessi acquistato questo amore che ho, e che mi brucia dentro forse non l'avrei notata, e avrei continuato a pensare che non mi sarebbe mai capitato di incontrare una ragazza che mi sarebbe piaciuta. E invece eccomi qua, come un scemo davanti al Mac e ai suoi colori a scrivere. Se ci avessi parlato magari... chissà...
    Quando si ha l'intenzione di comprare qualcosa, per prima cosa ci si guarda intorno, la si cerca e la si nota da per tutto e forse il segreto è tutto li. Sono alla ricerca. Ma stavolta veramente, e ho passato gli ultimi inverni a raccogliere quei quattro denari da spendere per uno sguardo che ne valesse il prezzo.

    La testa mi pesa come un macigno, la rottura di palle è che dovrò togliere la montagna di giornali e fumetti che adesso staziona bellamente sul mio letto, per poter dormire e farmi passare questa sbronza e questo mal d'amore che ho.
    Adesso ci provo, notte gente.

    E buonanotte ai suonatori, quelli come me.


  • Ma davanti a te, sono solo io, e ti chiedi chi è. Sono proprio io. Con questa faccia che sta sempre la, da parte e con queste braccia che son qua per te aperte. Chiedo perdono se non so chi sono io ma è gia da tanto che suono, l'uomo della storia accanto sono io.
    C.Baglioni
  • 1 Commenti: